Patti Lateranensi: la risoluzione alla “questione romana”

firma_dei_patti_lateranensi

Momento della firma dei Petti Lateranensi – 11 febbraio 1929

I Patti Lateranensi sono degli accordi sottoscritti l’11 febbraio 1929 tra il governo del Regno d’Italia e la Santa sede, finalizzati alla definitiva riconciliazione tra Stato e Chiesa. Il concordato metteva fine alla cosiddetta “questione romana” che durava fin dal 1870, dopo la breccia di Porta Pia  Continua a leggere

Lussuria: le anticipazioni del nuovo libro di Fittipaldi su “l’Espresso”

15978040_10154973583444241_7609828546817731832_n

Copertina “l’Espresso” del 15 gennaio 2017


Emiliano Fittipaldi è un giornalista italiano che da qualche anno scrive per “l’Espresso”. Oltre ad aver pubblicato inchieste su politici corrotti, scandali finanziari e criminali, è meglio conosciuto come l’autore del libro Avarizia. Uscito nel 2015, quest’opera  fa luce sugli scandali finanziari della curia e gli costò un processo da parte del tribunale della Santa Sede, insieme al collega Gianluigi Nuzzi per Via Crucis. L’accusa del Vaticano era quella di aver divulgato notizie riservate, ma il processo si concluse con un’ assoluzione per difetto di giurisdizione.

Ad un anno da questi eventi, Fittipaldi ritorna sulla scena con Lussuria,un altro libro-inchiesta che ha come protagonista ancora una volta la Chiesa di Roma.L’opera documenta vari scandali di preti pedofili in Italia e nel mondo e di come spesso sono stati coperti da vescovi e cardinali. Continua a leggere

Il pontificato di papa Innocenzo III: da “vicario di Pietro” a “vicario di Cristo”

innozenz3

Papa Innocenzo III – 176° papa della Chiesa cattolica


Nella storia della Chiesa romana, i papi hanno sempre cercato di consolidare e rafforzare il proprio potere sia nell’ambito di una propria politica interna, sia per quanto riguarda la propria influenza nella scena politica del tempo. Continua a leggere

La Pietà di Michelangelo è l’unica opera a recare la sua firma, ecco il perché

580px-michelangelos_pieta_st_peters_basilica_1498-99

La pietà vaticana – Michelangelo Buonarroti; 1497-1499, Basilica di San pietro

La pietà di Michelangelo  è una famosa scultura in marmo che raffigura Cristo morto sulle ginocchia della madre, la Vergine Maria.
La commissione di quest’opera fu pagata dal cardinale Jean de Bilhères, ambasciatore di Carlo VIII a Roma presso papa Alessandro VI , e destinata alla chiesa di Santa Petronilla, dove l’uomo voleva avere la sua sepoltura. Continua a leggere

La papessa Giovanna: la leggenda del papa donna

papessa1_257086_288782

Fotogramma de “La papessa”, film del 2009 tratto dal romanzo di Donna Cross basato sulla storia della papessa Giovanna

Secondo una leggenda di origine medievale sarebbe esistito un papa donna che avrebbe regnato, dall’853 all’855, con il nome di Giovanni VIII. Il suo riuscire ad arrivare a questa carica le fu permesso, tenendo tutti  all’oscuro del suo vero sesso, attraverso abili travestimenti. Continua a leggere

Il “papa barbiere”: lo scherzo di Michelangelo a Pio IV

2012-09-20_porta_pia

Porta Pia – Roma

 

Porta Pia è una delle porte delle mura aureliane di Roma nota soprattutto per la presa di Roma, avvenuta il 20 settembre 1870, che portò alla fine di dello Stato Pontificio e l’annessione di Roma all’Italia (approfondisci qui: La presa di Roma: la breccia di Porta Pia e la fine dello Stato Pontificio). Continua a leggere

La presa di Roma: la breccia di Porta Pia e la fine dello Stato Pontificio

 

ademollo_dopo_il_restauro_1

La breccia di Porta Pia – Carlo Ademollo. 1880; Museo del Risorgimento – Milano

 

Il 20 settembre 1870 segna una data importante sia per l’Italia che per la Chiesa cattolica. Da una parte, con la cosiddetta breccia di Porta Pia, si arriverà alla definitiva unità d’Italia grazie all’annessione di Roma e dall’altra alla fine dello Stato Pontificio e del potere temporale del papa. L’anno successivo Roma diventa capitale d’Italia, trasferita da Firenze. Continua a leggere

La visione dell’apostolo Pietro e le impronte dei piedi di Gesù

Semmai vi foste domandati che numero di scarpe indossava Gesù sappiate che è possibile, secondo la Chiesa, rispondere a questa domanda.
La risposta la si può trovare in una non importante chiesa vicino al centro di Roma, al bivio tra l’Appia Antica e la via Ardeatina, nel quartiere Appio-Latino.
Qui vi è situata la chiesa del “Domine quo vadis”, o Santa Maria in Palmis. Continua a leggere